0

Il tuo carrello è vuoto

luglio 19, 2021 4 min leggi

Sogni una vita da furgone o un viaggio in furgone? Leggi le 5 più grandi sorprese che Hanna ha avuto quando ha iniziato un nuovo stile di vita

Qualche anno fa, insieme al mio ragazzo, eravamo di fronte a un eccitante cambiamento nella nostra vita. Ci saremmo trasferiti in un furgone per un periodo di tempo indeterminato.

Prima del salto definitivo, cercavo di prevedere e prepararmi alle sorprese e alle situazioni che si sarebbero presentate. Mentre leggevo e guardavo i video dei colleghi vanlifers e cercavo di mettere in valigia tutto il necessario ma non un solo oggetto in più, mi chiedevo: Quali cose ci sorprenderanno, quali imprevisti potrebbero accadere? E se la vita in van non facesse per noi?

Ora, dopo aver vissuto in furgone per qualche anno, sono felice che la vita in furgone si sia rivelata una scelta eccellente e che le sorprese positive abbiano facilmente superato quelle negative. Ecco alcune delle cose che mi hanno colto di sorpresa!

 

Vanlife Hanna Vartia

1. La sicurezza

La sicurezza è un aspetto che preoccupa molti nella vita in camper - e ha preoccupato anche me. Cosa succederebbe se qualcuno entrasse in casa nostra? O, peggio ancora, se la portasse via mentre siamo in giro a scalare? È stato quindi un sollievo notare che la vita in furgone, almeno finora (🤞), è stata molto sicura. Non abbiamo mai avuto incidenti, anche se abbiamo viaggiato in paesi e zone molto diverse. Una cosa da sapere, però, è che per il 95% del tempo dormiamo nella natura o in piccoli villaggi e città. Nelle grandi città scegliamo praticamente sempre i campeggi.

Quindi, anche se ci sono molte storie dell'orrore, non c'è bisogno di spaventarsi troppo. Basta usare il buon senso e, naturalmente, munirsi di appositi lucchetti non guasta mai. Un altro consiglio: cercate di evitare di dormire vicino alle autostrade. Quasi tutte le storie negative che ho sentito provengono da questi luoghi.

 

Vanlife Hanna Vartia

2. Il tempo necessario per la routine quotidiana

Naturalmente mi sono reso conto che molte delle routine quotidiane richiedono molto più tempo nel furgone. Ma sono rimasto comunque sorpreso da questo! Non si tratta solo di una o due volte in cui fare il bucato richiede mezza giornata, o di dover guidare fino a tre diversi rubinetti dell'acqua per trovarne uno funzionante. O quando la benzina finisce e la stazione di servizio più vicina per fare il pieno è a ore di distanza.

Sono cose in cui si diventa "più bravi" e più efficienti con il tempo. Tuttavia, quando ci si trasferisce in nuove zone, ci vuole un po' di tempo e di impegno per imparare come funzionano le cose quotidiane. Per fortuna, quando è necessario, i campeggi offrono un ambiente piacevole e privo di stress quando non ci si vuole preoccupare troppo di acqua ed elettricità, ad esempio.

 

Vanlife Hanna Vartia

3. La naturalezza del piccolo spazio

Una delle maggiori differenze tra un appartamento e un furgone è ovviamente la quantità di metri quadrati. Sono rimasto positivamente sorpreso da quanto rapidamente lo spazio limitato inizi a sembrare naturale. Non sento nemmeno la mancanza di più spazio e quando lo spazio all'interno è limitato, si passa semplicemente più tempo all'aperto. Inoltre, i miei occhi si sono aperti ancora di più sul fatto che sono pochi gli oggetti di cui si ha bisogno per essere felici, o semplicemente in generale! Per esempio, solo pochi vestiti di alta qualità e multiuso possono portare molto lontano.

Gli unici momenti in cui il piccolo spazio mi dà un po' fastidio sono quando piove per giorni di fila, se uno di noi è malato o se c'è molto disordine all'interno!

 

Vanlife Hanna Vartia

4. Le comunità sulla strada

Per me la parte più difficile della vita in furgone è la separazione dagli amici e dalla famiglia. Ciò che ci ha aiutato in questo senso sono le fantastiche amicizie che abbiamo costruito in viaggio. È facile conoscere altri vanlifers e gli hobby condivisi lo rendono ancora più naturale. Sono ancora sorpreso di quanto velocemente possano nascere amicizie profonde con persone che vivono nell'auto accanto a te. E la cosa migliore è che continuiamo a incontrare le stesse persone di volta in volta, solo in posti diversi!

 

Vanlife Hanna Vartia

5. La vita in van è molto simile a quello che sembra

Per molti mesi dopo il decollo, stavo ancora aspettando la "fregatura". Ho cercato di evitare di avere un'immagine troppo rosea della vita in camper: non può essere come in Instagram, giusto? Almeno per me, si è rivelata abbastanza simile. Anche se ci sono momenti molto difficili, ad esempio quando la casa si rompe nel bel mezzo del nulla, è stato anche meglio di quanto immaginassi. Se si pensa alla realtà della vita in furgone e si cerca di capire a cosa si va incontro, si dovrebbe stare bene!

Se state sognando la vita in furgone, vi consiglio caldamente di provarci. Sono sicuro che vi sorprenderà in modo positivo. Inoltre, non ho ancora incontrato una sola persona che se ne sia pentita!

 

Vanlife Hanna Vartia

 

Scrittore e foto: weekendbeeTestBee Hanna

Hanna vive e viaggia in un furgone autocostruito dal 2017 con il suo ragazzo. Le piace parcheggiare in luoghi che hanno buone condizioni per l'arrampicata su roccia, il kayak d'acqua bianca o il kitesurf, oltre a un buon internet per lavorare! Potete seguire le sue avventure attraverso il suo account Instagram @hannavartia.